L’ASSEMBLEA COMUNALE DEL PD DI CAPANNORI VOTA UN ODG CHE DICE UN NETTO ‘NO’ ALL’IPOTESI CASELLO DI MUGNANO

bertolucciIl partito capannorese chiede anche ai parlamentari di svolgere il ruolo di controllo sulla progettazione Anas ora in corso sull’asse nord-sud

E’ senza mezzi termini il ‘no’ del partito Democratico di Capannori all’ipotesi del casello autostradale di Mugnano.
E’ stato infatti votato all’unanimità dall’assemblea del Pd capannorese, svoltasi ieri sera (martedì 5), nella sede di via don Aldo Mei, un ordine del giorno che dice in modo chiaro che Capannori quell’infrastruttura non la vuole. Inoltre, dall’assemblea è partito un invito al Comune di Lucca affinché adotti costantemente il metodo del dialogo con i territori vicini sia per evitare l’isolamento, sia perché soltanto così possono essere realizzate politiche e scelte nell’interesse dell’intero comprensorio. In particolare, l’atteggiamento deve cambiare verso l’amministrazione di Capannori, che sta dimostrando serietà e responsabilità sul tema della grande viabilità, nonostante che per il territorio amministrato dal sindaco Luca Menesini sia una questione delicata.
Il Partito Democratico di Capannori, quindi, rende pubblica la sua forza e la sua compattezza, sposando in pieno la linea già detta dal primo cittadino Menesini, e annunciando che porterà questa posizione condivisa a livello di assemblea comunale alla prossima direzione del Pd territoriale sull’argomento.
Oltre al diniego senza esitazione al casello autostradale di Mugnano, il Pd di Capannori investe ufficialmente i Parlamentari di riferimento, quindi il senatore Andrea Marcucci e l’onorevole Raffaella Mariani, e il presidente della Regione Enrico Rossi, a svolgere il ruolo di controllo sulla nuova progettazione Anas dell’asse nord-sud, in modo da vincolare il progetto definitivo alle modifiche richieste in più occasioni da Menesini, e che sono state giudicate necessarie anche dall’inchiesta pubblica, dalla Via e dal Consiglio di Stato dei lavori pubblici.
“Il Partito Democratico di Capannori è attento a temi così impattanti sul territorio – dice il vicesegretario Pd Antonio Bertolucci –. Anche stavolta dimostriamo tutta la nostra compattezza, nell’interesse dei nostri cittadini, delle imprese, e dell’intera Piana. Quando ci troviamo davanti a opere così rilevanti, i Comuni interessati devono portare avanti una politica condivisa, senza fare giochetti a discapito degli altri. Il sindaco di Capannori e presidente di Provincia Menesini ha sempre detto chiaramente la nostra posizione, ed ha anche saputo gestire fasi delicate del processo in corso, dimostrando autorevolezza, serietà e capacità di visione. Come partito abbiamo fatto molti incontri sul tema della grande viabilità, e abbiamo condiviso passo passo l’evoluzione della situazione sugli assi viari. Pare evidente che nel Comune di Lucca la cosa abbia preso un’altra piega, ma nessuno può pensare di risolversi i problemi che vive in casa scaricandoli sui vicini. E soprattutto deve essere chiaro: Capannori fa la sua parte, se gli altri fanno lo stesso. Nessun spazio all’ipotesi di scardinare la triangolazione Brennero-Frizzone-Lucca Est. Questo lo diremo chiaramente anche alla direzione del Pd territoriale”.
Il Pd di Capannori, infine, chiede al gruppo consiliare Pd di portare la posizione e le strategie condivise anche in Consiglio Comunale, con un apposito ordine del giorno.

ROBERTO VECCHIONI IN CONCERTO IL 1° MAGGIO A CAPANNORI.

foto%20card5Menesini:”Si conferma uno tra gli appuntamenti musicali più importanti in Toscana in occasione della Festa dei Lavoratori”

Sarà Roberto Vecchioni a salire sul palco di Piazza Aldo Moro per l’ormai tradizionale concerto gratuito del 1° maggio promosso dall’amministrazione comunale in collaborazione con la Regione Toscana. Quello che è ormai considerato uno degli appuntamenti musicali più attesi in Toscana in occasione della festa dei lavoratori vedrà esibirsi a Capannori uno dei più importanti cantautori del panorama italiano di ieri e di oggi. L’autore di pezzi famosissimi come ‘Samarcanda’, ‘Luci a San Siro’ ‘El bandolero stanco’, ‘Sogna ragazzo sogna’, ‘Voglio una donna’, tanto per citarne alcuni, fino al più recente ‘Io non appartengo più’ salirà sul palco alle 18. Vincitore dei più importanti premi della musica italiana dal Premio Tenco, al Festivalbar fino al Festival di Sanremo nella sua lunga carriera il celebre cantautore milanese ha composto oltre 20 album ed altrettante raccolte. Il concertone del 1° maggio di Capannori, dopo aver ospitato artisti del calibro di Modena City Ramblers, Pfm, Stadio, Nomadi , Fiorella Mannoia, Ron, Francesco De Gregori si appresta ad ospitare uno degli esponenti più significativi ed amati della grande musica italiana. In piazza ci saranno anche gli stand istituzionali, delle organizzazioni sindacali e delle associazioni.

“Il concerto del 1° maggio di Capannori si conferma come uno degli appuntamenti musicali più importanti e più attesi a livello regionale – afferma il sindaco Luca Menesini – e questo ci dà grande soddisfazione. Il protagonista di quest’anno, Roberto Vecchioni, manterrà certamente alta la qualità dell’evento che vuole essere un momento di festa e di divertimento per la cittadinanza ed un modo per ribadire quelli che sono i diritti fondamentali del lavoro e dei lavoratori”.

Il concerto di Roberto Vecchioni, sabato 30 aprile, sempre in piazza Aldo Moro, sarà preceduto da una importante giornata dedicata ai giovani. Dalle 16 fino a mezzanotte è infatti in programma ‘Aspettando il 1° maggio’ con tante iniziative.

“Vogliamo che i giovani del territorio siano i protagonisti della giornata che precede la festa del 1° maggio – afferma l’assessore alle politiche giovanili, Lia Miccichè -. Per questo abbiamo costruito un programma che dà ampio spazio alla creatività e ai linguaggi giovanili che per noi rappresentano una vera ricchezza. Il modo di comunicare e di esprimersi delle nuove generazioni attraverso la musica e l’arte nelle sue varie espressioni è immediato, efficace ed evocativo. Questa iniziativa lascerà anche un segno ‘artistico’ concreto sul territorio perché vogliamo che i giovani siano attori nella costruzione della nostra comunità”.

Sul palco del 1° maggio si esibiranno 10 band giovanili del territorio selezionate attraverso una call sulla pagina Facebook del Comune e del Centro Giovani, che sarà pubblicata domani (mercoledì), secondo alcuni specifici criteri. Per rispondere alla Call le band possono scrivere a progettogiovani@comune.capannori.lu.it entro giovedì 21 aprile alle ore 13.00. Ad esibirsi saranno le prime 10 band che risponderanno alla Call e che avranno tutti i requisiti richiesti.

Aspettando il 1° maggio’ darà grande spazio alla creatività con un ‘contest fotografico a tema “La mia giornata. Il momento più bello” che con la pubblicazione delle foto partecipanti sulle pagine Social del Comune da sabato 30 aprile a venerdì 7 maggio con hashtag #mycapannori #perfectmoment #momentoperfetto. I 3 vincitori decretati dal maggior numero di like ricevuti vedranno stampate le loro foto su uno striscione che sarà esposto sul Palazzo comunale. La giornata prevede inoltre un contest skate: dalle 15 alle 16 in piazza Aldo Moro ci sarà la scuola di skate ‘School skate park’, disponibile a dare i primi rudimenti agli appassionati di questa pratica. Dalle 16 alle 17 è in programma free skate e dalle 17 alle 18 il contest vero e proprio. Ai tre vincitori andranno tre buoni acquisto presso il negozio ‘Juice Bord Shop’. Sabato 30 aprile piazza Aldo Moro ospiterà un’altra originale iniziativa, ovvero la realizzazione di Murales in estemporanea su grandi pannelli appositamente allestiti. Tra le opere prodotte ne sarà scelta una che sarà realizzata dagli stessi autori nel sottopasso pedonale di Tassignano.

Capannori, 5 aprile 2016

Il Pd di Capannori interviene sull’ipotesi casello a Mugnano

indexSIMONE PIALLI, ESPONENTE SEGRETERIA PD COMUNALE CAPANNORI:
“NO AL CASELLO A MUGNANO. LA PENALIZZAZIONE DI MUGNANO E
TORINGO SAREBBE PESANTISSIMA”

“Respingiamo con forza l’ipotesi avanzata dal Comune di Lucca di spostare il casello autostradale di Lucca Est a Mugnano, perché vorrebbe dire penalizzare tremendamente i paesi di Mugnano e Toringo, dove ad oggi nemmeno esiste un’infrastruttura viaria che potrebbe sostenere tale scelta. Questa idea denota leggerezza nella riflessione complessiva del sistema mobilità della Piana di Lucca, e ci dispiace enormemente che sia stata compiuta dal Comune capoluogo, da cui ci aspetteremmo maggiore attenzione al territorio e conoscenza dello stesso”.
E’ netto e senza titubanze il ‘no’ del Partito Democratico capannorese, espresso da Simone Pialli, membro della segreteria Pd comunale di Capannori e residente a Toringo, sull’eventuale spostamento del casello di Lucca Est a Mugnano, e quindi è pieno il sostegno alla posizione detta nei giorni scorsi dal sindaco e presidente di Provincia Luca Menesini.
“Sono anni e anni che si parla degli assi viari – dice Pialli –. Dopo dibattiti e diatribe varie, le nostre istituzioni sembrano camminare tutte nella stessa direzione. Menesini, da sindaco di Capannori e da presidente di Provincia, sta giustamente puntando il dito perché Anas accolga tutte le modifiche prescritte dalla Via e dall’inchiesta pubblica, ovvero perché quest’opera, che sarà fra le più impattanti per il nostro territorio, sia realizzata nel modo migliore possibile, e non a discapito di cualcuno, come i residenti di San Pietro a Vico o di quelli di Tassignano e Capannori. Posta la condizione più che legittima del sindaco Menesini di modificare il progetto tenendo conto delle valutazioni degli esperti, oggi tutti stanno lavorando alla realizzazione del nuovo sistema tangenziale. L’ipotesi avanzata dal Comune di Lucca, invece, è un’ipotesi completamente ed esclusivamente maturata all’interno delle stanze dell’amministrazione lucchese, e che va a toccare uno dei punti chiave dell’assetto viario ipotizzato in tutti questi anni. Se si vuole apportare un cambiamento così significativo è necessario rivedere il tutto. Se il sindaco di Lucca vuole annullare le fatiche fatte fino ad oggi per ricominciare una nuova riflessione collettiva ha il diritto di farlo, assumendosi le responsabilità del caso”.
Per Pialli che vive a Toringo, infatti, l’ipotesi del casello a Mugnano è anche poco sostenibile dal punto di vista urbanistico e infrastrutturale, cioè è pensato a prescindere dalla situazione di vivibilità dei paesi coinvolti, che non potrebbero sopportare un carico significativo di mezzi pesanti.
“L’aspetto più frustrante è l’assenza di visone comprensoriale che sta dietro a simili proposte – conclude Pialli –. Da esponente del Partito Democratico mi domando anche come faccia il Pd di Lucca ad avvallare questa ipotesi, visto il grande lavoro fatto, dal Pd lucchese e dal Pd territoriale, sul tema degli assi viari. Come Pd Capannori auspichiamo che il Comune di Lucca stia negli accordi presi e sanciti dai protocolli firmati nel 2008 e nel 2011 nell’interesse della Piana di Lucca e non solo”.